San Martino di castrozza
Meteo
14°
clear-night
Altitudine
Altitude
2357 1404
KM di piste
60 KM

Escursioni

28/04/2017

Data

16:30

Ora di inizio

17:30

Ora di fine

Difficoltà

Workshop fotografico: Weekend nelle Pale di San Martino

Evento per il quale l'organizzatore prevede un pagamento

“Così terrificanti che sembra debbano spalancarsi da un momento all’altro e far precipitare l’intera massa delle rocce. Credo di poter dubitare che perfino nelle Ande sia raro trovarsi di fronte ad una scena così straordinaria e primordiale”.

Così scriveva delle Pale di San Martino la scrittrice e viaggiatrice Amelia Edwards, nel 1872, nel suo libro “Cime inviolate e valli sconosciute”. Furono inglesi i primi alpinisti che aprirono le vie del massiccio montuoso. Essi non finivano di stupirsi di come potessero sopravvivere dei paesi attorno a montagne cosi inviolabili, collegati con difficili mulattiere. Sempre la Edwards paragonò il Cimon de la Pala ad una “tomba faraonica” per la sua forma piramidale. Esso, con i suoi 3184m, era ritenuto erroneamente la vetta più alta del gruppo, ma la cima Vezzena, scalata nel 1972, per pochi metri (3192m ) è in realtà la più alta.



paledisanmartino_new2015_web

Oggi scoprire il massiccio delle Pale di San Martino è decisamente più facile, anche in inverno. Dietro quelle che da San Martino di Castrozza paiono vette inviolabili, si celano vie di salita anche per chi non arrampica permettendo l’accesso al cuore del massiccio. In inverno con le Ciaspole (craspe) si possono percorrere itinerari semplici che portano all’interno del massiccio, un luogo affascinante quanto imponente. Dall’altopiano si possono vedere le maggiori cime delle Pale di San Martino come la Fradusta, il Cimon della Pala, cima Vezzena Non resta che farsi trasportare dalle suggestioni di scrittori e fotografi e visitare o riscoprire con nuovi occhi questo magnifico paesaggio naturale.

Primiero – San Martino di Castrozza – Pale di San Martino

Quando: 28-29-30 Aprile 2017
Durata: 3 giorni
Difficoltà fotografica: INTERMEDIO / AVANZATO
Difficoltà escursionistica: facile, per tutti, anche non allenati.
Ritrovo: Hotel Sass Maor – ore 15:00



colbricon_dsc4322-2
Programma:
Il nostro weekend prevede oltre un briefing il venerdi, due giornate in quota con le ciaspole (craspe) accompagnati dal fotografo professionista alla scoperta degli scorci migliori e inediti delle Pale di San Martino. Il fotografo vi assisterà per tutta la durata del weekend con nozioni, soluzioni e commenti sulle immagini realizzate.
Gli itinerari scelti sono adatti a tutti e mai difficili. I tempi di salita e discesa sono regolati sulla base delle esigenze fotografiche tenendo conto delle possibilità che l’ambiente offre. A seconda delle condizioni di innevamento, il programma prevede brevi escursioni in Val Venegia.
Missione del nostro weekend è incentivare nei partecipanti la visione, l’analisi della luce, la scelta artistica basata sulla propria esperienza oltre che correggere eventuali errori tecnici e comunicativi che si possono compiere fotografando. Il corso è dedicato a tutti i livelli sia base che avanzato, il docente, dato il numero chiuso di partecipanti può intervenire personalmente sui partecipanti aiutandoli nella realizzazione delle immagini.
VENERDI
Dalle ore 15:00 alle 17:00 arrivo partecipanti.
Ore 17:00 – Aperitivo di benvenuto e briefing a seguire cena. Ritrovo presso Hotel Sass Maor *** – Transacqua
Dopocena continuerà il briefing / incontro fotografico.
Pernottamento in Hotel
SABATO
Partenza la mattina per l’Altopiano delle Pale – Fotografia di Paesaggio e reportage, sportiva. (in base alle condizioni nivometeo) in alternativa ai Laghi del Colbricon.
Regole di composizione, raccontare con le immagini
Pranzo al sacco
Tramonto sulle Pale di San Martino – breve escursione
Rientro in Hotel e debriefing.
Dopocena – scelta e lavorazione delle immagini.
Pernottamento in Hotel
DOMENICA
Visita della Val Canali (il programma può variare dipendentemente dalle condizioni stagionali) / in alternativa escursione a Passo Rolle
La fotografia naturalistica, etica e didattica. Nel pomeriggio visita del centro visitatori di Paneveggio e fotografia dei cervi in semilibertà.
Pranzo al sacco
Breve escursione nella foresta dei violini.
Debriefing – chiusura corso.


Temi del corso:

Briefing sull’attrezzatura e zaino per la fotografia in montagna
Ripasso su esposizione a destra, come comportarsi con le alte luci.
Fotografia di reportage escursionistico e naturalistico
Fotografia notturna di paesaggio, nozioni e pratica.
Fotografare con la neve, scelta delle ottiche e uso creativo.
Fotografia in movimento, gli sport invernali.
Esercitazioni pratiche.
Sessione base di photoediting
Basi di post-produzione su Lightroom/Photoshop


Leggi come è andata la volta scorsa

.

sassmaor_dsc4080-2




Requisiti richiesti
Corso adatto a chi ha già esperienza fotografica, almeno di paesaggio.
Obiettivi consigliati: grandangolare e normale, tele, flash TTL.
Abbigliamento da montagna (temperature tra -5° e 15°), scarponi da trekking impermeabili.
Pranzo al sacco.

.
Prenotazioni e quota di partecipazione:
Quota di partecipazione: 295€

Quota accompagnatore: 190€ – Supplemento singola: 15€

Numero minimo partecipanti: 4 massimo 12.
Orari da confermare. Il programma può subire variazioni, anche il giorno stesso, in base alle condizioni meteo in quota, innevamento.

Al momento nessun utente partecipa a questo evento.

Chat

Al momento non c'è nessun messaggio